sabato 26 marzo 2016

Un'invidiabile certezza...


Due dita verso il centro della strada, esposte a mezz'altezza, timide e schive o larghe e robuste, identificano il saluto dei motociclisti, che chi viaggia conosce bene. Andare in moto porta a conoscere un linguaggio che va oltre quello tecnico, che sa far comunicare individui sconosciuti, di estrazioni sociali e culturali diverse, ma con tanto in comune. Basta prendere la moto e partire lungo i percorsi che incorniciano le regioni italiane e d'Europa. Sole, pioggia e altro non modificano la sensibilità del motociclista nel voler riconoscere sé e la propria passione nell'altro. Il saluto dei motociclisti è diventato un marchio di fabbrica, un simbolo di appartenenza e un vanto da esibire come segno di civiltà.


La cosa più interessante di quest'usanza, sarebbe capire se quel saluto voglia dire sempre la stessa cosa, o se i significati possano essere diversi. Probabilmente c'è chi saluta perché vede negli altri un popolo a cui appartenere. Alcuni augurano un buon viaggio senza sapere quale sia il motivo o la meta dell'altro viaggiatore. Altri ancora lo fanno come per dire: "anche voi qui", ovviamente. Penso che i motivi siano molti e uno. Andare in moto accomuna e quel saluto accomuna ancora di più. Esistono piccole storie sul fatto che quelli sull'Harley e quelli col BMW, non salutano tutti o non sempre salutano, se non chi ha la stessa moto. Io dico che non è vero. O non lo è sempre. Personalmente conosco qualcuno che ha sia l'Harley che la BMW e che quindi non fa categoria. I maligni sono sempre pronti a sottolineare che certi "biker" non salutano chi non appartiene allo stesso genere, ma come fare a saper che, chi guida una Honda, non possa avere anche una bella 883 in garage. E come si fa a credere che chi guida una tedesca, non sia un amante delle super sportive italiane o giapponesi? E chi ha un KTM, non deve per forza disprezzare una bella Moto Guzzi.


Abbandonando questi stupidi stereotipi, si può semplicemente dire che per il motociclista è diventata abitudine salutare un altro motociclista. E come accade anche al sottoscritto,  che a volte il saluto non sia ricambiato, è solo per il plausibile motivo che si deve stare attenti alla guida, con le mani ben salde sul manubrio e l'occhio che guarda già oltre la curva, oltre chi ci precede. Concludo dicendo che se questo modo di affrontare la gente che incontriamo fosse esteso alla vita intera e non solo relegato al viaggiare in moto, probabilmente ci sarebbe più educazione e rispetto. Un rispetto che non prevede gara tra esseri della stessa specie, ma una sfida vera che ti fa crescere. Che ti lega ad un mondo, spesso meraviglioso. Di tutte le categorie che si spostano sulle strade di tutto il mondo, solo i motociclisti vantano un saluto popolare e inimitabile come questo. E so che mi basta prendere la moto e percorrere pochi chilometri per poter confermare quest'invidiabile certezza.

Nessun commento:

Posta un commento

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...